Sponsor Sponsor Sponsor Sponsor Sponsor
Pallamano Secchia

Home


Società
News   <
Club & Storia   <
1974-2014: 40 anni   <
Squadre Amarcord   <
Gli Impianti   <
Handball Gold   <
Rubiera in Serie A   <
Handball Silver   <
Diamoci una Mano   <
Volontari Pallamano   <
Supporter Card   <
Merchandising   <
Accordo Università   <
5xMille   <

Stagione 2020/21
Giocatori   <

Settore Giovanile
Presentazione   <
L'attività   <
I nostri azzurrini   <
Scuola Pallamano   <
Love Handball   <
Sport di Tutti   <
Attività Promozionale   <
Memorial Corradini   <
Torneo dell'Epifania   <
Sostegno alle Famiglie   <

Interattivo
Facebook   <
Twitter   <
LinkedIn   <
Wikipedia   <
Canale Youtube   <
Instagram   <
Foto   <
Links   <
Newsletter   <

Promotion Video
28-03-2020

Salviamo lo sport minore

Salviamo lo sport minore
Il mondo dello sport, quello di base, è spesso invisibile agli occhi della politica: un mondo dalle infinite valenze, in termini di benessere, aggregazione, socialità, valori, spesso poco o per nulla considerati. Quello che viene fatto dalle migliaia di associazioni sportive sparse sul territorio italiano viene dato per scontato. “Loro ci sono sempre… Ci saranno sempre…” Non è così purtroppo. Il valore sociale del lavoro svolto da queste realtà nel tenere lontano i bambini e i ragazzi “dalla strada” offrendo loro uno stile di vita sano e corretto che possa portarli a diventare, prima che campioni, brave persone, non ha prezzo. O forse si, quello che costerebbe milioni di euro alle Amministrazioni e agli Enti locali per sopperire alla loro scomparsa. Lo sport di base non è legato alla caccia del risultato a ogni costo, bensì alla pratica quotidiana nelle migliaia di strutture, diffuse in ogni città, paese, quartiere. Nella penisola sono oltre 20 milioni le persone che fanno sport in modo continuativo. Parliamo di un movimento che incide per quasi 2 punti percentuali – 4 considerando l’indotto - sul prodotto interno lordo in virtù di una filiera che passa per prodotti e servizi erogati ai quasi 12 milioni di tesserati che fanno movimento nelle 95mila associazioni o società sportive organizzate e afferenti ai diversi organismi sportivi riconosciuti dal Coni.
"Dare voce al mondo dello sport non significa parlare solo dei problemi del Calcio”
Perché la realtà è che siamo tutti sulla stessa barca. Si parla di almeno un terzo delle associazioni sportive italiane destinate a scomparire alla fine dell’emergenza Coronavirus. Previsione forse anche eccessivamente ottimistica. Alla ripresa, che avverrà solo quando saranno assolutamente garantite le condizioni di sicurezza sanitaria, servirà un nuovo modo di interpretare e valorizzare lo sport: all’impegno e ai sacrifici delle associazioni e dei tanti volontari che ne sono il cuore - che da un lato si troveranno di fronte ad una prevedibile e sanguinosa perdita di sostegno economico dalle aziende martoriate da questa emergenza e che di contro dovranno giocoforza rivedere al ribasso le fondamentali quote di iscrizione all’attività sportiva stagionale perché, con i conti delle famiglie in affanno, non si può garantire la pratica sportiva solo ai ragazzi che possono pagare – sarà fondamentale l’aiuto dello Stato attraverso le singole Federazioni, chiamate a reindirizzare i propri fondi in modo diverso, garantendo principalmente ossigeno alle società di base attraverso il drastico taglio delle tasse di iscrizione e delle tasse gara, ma anche delle Amministrazioni, che dovranno apportare un altrettanto forte ridimensionamento, per non dire totale abbattimento, delle tariffe di utilizzo dell’impiantistica sportiva, unico modo per far si che la pratica sportiva giovanile sopravviva dopo questo terribile momento. E non per una singola stagione, ma per parecchi anni.

<< indietro



 





PROSSIMI APPUNTAMENTI
12 SETTEMBRE
RIPRESA CAMPIONATO
SERIE A2 MASCHILE






Pallamano Secchia | Admin | pallamanorubiera@yahoo.com | Impressum | created with Contech SCS